Teroldego Superiore Riserva DOC 2016 - Musivum

54,90 €
Tasse incluse

Il Teroldego è un vitigno dalla storia affascinante che ha la sua culla nella regione Trentino e in particolare nella Piana Rotaliana. Qui, infatti, nel cuore della Valle dell’Adige, a nord della città di Trento, si trova “il giardino vitato più bello d’Europa” come lo definirono Goethe e Cesare Battisti.

Sconti sul volume

QuantitàSconto unitàSalva
63%9,88 €
125%32,94 €

Descrizione

ZONA DI PRODUZIONE Nella parte più a sud della valle dell’Adige trentina, dove le Piccole Dolomiti e la catena del Baldo accompagnano il lago di Garda nella sua espansione verso la pianura veneta, si collocano i vigneti della cantina di Ala; una terra ricca di memorie, che fu teatro di contese tra l’impero austriaco e la serenissima repubblica di Venezia. Fu proprio grazie a queste relazioni e ai conseguenti scambi commerciali delle genti che la popolavano che il Marzemino giunse in questa terra dalla lontana e suggestiva Asia minore. Sui migliori terreni creati dall’azione erosiva e di trascinamento dei ghiacciai, che durante il loro passaggio hanno formato dolci colline e promontori fertili, e nelle migliori esposizioni facilitate dal particolare orientamento delle vallate, viene coltivata l’uva Marzemino, che riesce in questo modo a esprimere al massimo la sua potenzialità, raggiungendo la giusta maturazione, creando vini con gentilezza di profumi e armonia di sapori. Allevato nella classica pergola trentina, il Marzemino è un vitigno che necessita di potature lunghe e i suoi giovani, verdi germogli sono molto fragili e sensibili all’effetto del vento. Solo l’abile lavoro del viticoltore, attraverso un paziente lavoro di legatura e sistemazione dei tralci, riesce a selezionare i migliori germogli per la produzione dell’uva. VARIETÀ E VINIFICAZIONE Vendemmia 2017 e appassimento Raggiunta la maturazione, la metà dei grappoli di uva Marzemino viene raccolta rigorosamente a mano, controllata e adagiata delicatamente in apposite cassettine per iniziare il periodo di appassimento in cella, a temperatura e umidità controllate. Le uve si evolvono e maturano ulteriormente per diversi mesi, attraverso il naturale processo di appassimento, sviluppando note e sentori che doneranno al vino armonia e ricchezza. Per l’altra metà dei grappoli, si spinge al massimo la maturazione naturale prima dell’arrivo delle piogge, per poi vendemmiare a mano e pigiare. Pressatura La pigiatura delle uve fresche è molto lenta e delicata, per non rompere completamente gli acini, ma lacerarli solamente in modo da prolungare la successiva fermentazione. La pigiatura delle uve passite avviene nel tardo autunno, dopo i mesi trascorsi ad appassire in fruttaio. Data la consistenza degli acini, si procede ad una “sgranellatura”: il poco succo che si libera sarà la base su cui i lieviti inizieranno la loro lentissima fermentazione. Fermentazione La fermentazione delle uve fresche: dopo due notti di sosta a 8°C il pigiato viene inoculato con lieviti specifici che ne andranno ad esaltare le caratteristiche organolettiche tipiche del vitigno. La fermentazione è lenta a temperatura controllata e i rimontaggi sono brevi ma frequenti. La fermentazione delle uve passite: l’aggiunta dei lieviti selezionati avviene immediatamente, anche se la temperatura del mosto è piuttosto bassa data la stagione (7-9°C). La fermentazione è lentissima e può durare anche delle settimane, durante questo periodo il vino estrae le migliori componenti dalla buccia e dai vinaccioli elevando la sua struttura e la sua ricchezza aromatica e caratteriale. Affinamento Dopo la fermentazione malolattica, le due componenti riposano e sedimentano per alcuni mesi prima di trasferirne una parte in botti di rovere. Al momento dell’assemblaggio, le varie componenti vengono unite per prepararsi all’imbottigliamento e alla successiva fase di affinamento in bottiglia. CARATTERISTICHE ORGANOLETTICHE Vino dalla personalità unica e riconoscibile, si esprime con un intrigante profilo aromatico che spazia dal frutto maturo e caldo, tendente ad aromi di passito quali prugna e marasca, a una speziatura fatta di eucalipto e coriandolo con contorno di note balsamiche e di mandorla. Al palato offre una struttura fitta, ma delicata e una freschezza di frutto in retrogusto che lo rende un grande rosso.

Dettagli del prodotto
Musivum
14673

Scheda tecnica

VitignoTeroldego
Formato750 ml
Gradazione alcolica14.0%
RegioneTrentino-Alto Adige
DenominazioneRotaliano
DisciplinareD.O.C.
Annata2016

Accedi

Megamenu

Il tuo carrello

Non ci sono più articoli nel tuo carrello